La vita, spesso, è una discarica di sogni...

Stanco di vedere le parole che muoiono, stanco di vedere che le cose non cambiano, stanco di dover restare all’erta, ancora, e respirare l’aria come una lama alla gola. Andare a piedi fino a dove non senti dolore solo per capire se sai ancora camminare. Il mondo è un corpo coperto di lividi e i miei pensieri sempre più vividi. Corpi sulla strada che si lasciano affittare, tavole anatomiche da saccheggiare. Corpo imperfetto, corpo immortale (Il corpo è la frontiera che si può violare). La vita, spesso, è una discarica di sogni che sembra un film dove tutto è deciso sotto ad un cielo di un grigio infinito. Sono le gambe piene di lividi, sono pensieri sempre più ruvidi…

la vita è scritta sopra un cumulo di sogni.